Into the Red Zone

Into the Red Zone

Siamo alunni di una scuola di provincia: Guardamiglio, tra il nulla e la nebbia. Vi raccontiamo cos’è successo qui, ora che siamo.. into the red zone.

View this post on Instagram

Day 0 – Guardamiglio Into the Red Zone – Scendo le scale e respiro. La colazione, i libri sul tavolo, lo zaino. Questa mattina vorrei essere altrove. Inforcare la bici e via sull'argine, tra i campi e l'azzurro del cielo. Invece no. Sono G, ho 13 anni e questa mattina la prof interroga. Mmmm… Chiudo i libri e un rospo mi rimbalza nello stomaco. No, la colazione oggi proprio no. Mi allaccio le scarpe e prendo il cappotto. "Ciao mamma. Io esco". Giorno 0 – giovedì 20 febbraio 2020 Guardamiglio, Lodi I go downstairs and I breathe. The breakfast, the books on the table, the rucksack. This morning I wish I were somewhere else; I’d like to get on my bike and go away, on the river bank, through the fields and the blue sky. But no. I’m G., I’m 13 and this morning I’m having a test. Erm…I close my books, a punch in the stomach. No breakfast for me today. I tie my shoes and take my coat. ‘Bye mum, I’m going out’. #day0 #intotheredzone #guardamiglio #codogno #somaglia #icsomaglia #coronavirus #3A

A post shared by Into the Red Zone (@intotheredzone) on

View this post on Instagram

Day 20 – I giorni qui sono bestie dure da buttar giù. Alcuni sono la fotocopia del precedente: libri, TV, divano e tg. Altri invece hanno la stessa potenza di una bomba a mano: quando lo scoppio è improvviso, i muri dell'anima ballano e sembrano cedere. Abbiamo imparato che nulla può essere dato per scontato e ci siamo ritrovati incollati al telefono per una lezione di grammatica o di matematica, provando a ricostruire una sorta di normalità. Ci siamo guardati tramite un cellulare, uno schermo, un PC e abbiamo provato una strana nostalgia per quelli che eravamo appena 20 giorni fa. 20 giorni fa iniziava tutto. Ora però vogliamo uscirne e sappiamo che ne usciremo più forti perché siamo figli di un'Italia che non si spezza. Di un'Italia che resiste. #intotheredzone #Guardamiglio #piacenza #icsomaglia #covid #quarantena

A post shared by Into the Red Zone (@intotheredzone) on

View this post on Instagram

Day 41 – Into the Red zone Guardamiglio C'è una panetteria giù in paese che sa di cose buone. Ha il profumo del pane, dei dolcetti e del caffè. Fino ad un mese fa, la mattina ci passavo, prendevo una focaccia o una brioche e andavo a scuola un po' più allegra. Sono A., ho 13 anni e mi mancano le piccole cose quotidiane a cui ero abituata. Nei freddi e umidi pomeriggi di inverno con i miei amici mi ritrovavo qui per assaporare una cioccolata calda con sopra delle piccole meringhe. Oggi la panetteria continua a fornire al paese un bene di prima necessità come il pane, ma al solito profumo se ne è aggiunto un altro. Inaspettato. Il profumo buono della #solidarietà. Nel pomeriggio infatti la panetteria organizza un banchetto di prodotti freschi, ma invenduti, che lascia a disposizione delle famiglie in difficoltà. Le cose non sempre vanno bene, ma noi non indietreggiamo mai. #Guardamiglio #solidarietà #covid19italia #buonenotizie #profumodelpane #icsomaglia #cosebuone #nonindietreggiamomai

A post shared by Into the Red Zone (@intotheredzone) on